mercoledì, 22 Novembre 2017

Proposta del Ministro Urbani: ”Giro di vite” al file sharing

Scritto da  il 04 Marzo 2004

Entro il fine settimana sarà presentata al vaglio del consiglio  dei Ministri il decreto legge che potrebbe integrare la normativa esistente in tema di tutela del diritto d’autore.

La proposta del Ministro Urbani ha come obiettivo più generale quello della salvaguardia dello scambio di opere protette ed inevitabilmente colpisce anche il fenomeno del file-sharing on line.

Nonostante la proposta nasca prevalentemente nel più ampio panorama di tutela del materiale cinematografico, come altresì auspicato recentemente dal Presidente della Repubblica Ciampi, alcune novità vengono comunque ad incidere  in maniera più generale  sulle modalità attuali di condivisione dei files.

Ciò che risulta  da sottolineare è, infatti, la nuova previsione sanzionatoria prevista per chi  promuove in Rete la condivisione di materiale coperto dal diritto d’autore. Il decreto legge disciplina, infatti, in modo ampio nuove responsabilità sia per i soggetti “a monte” del file-sharing, sia dell’utente finale e ne individua specificamente dei massimali  sanzionatori.

L’eventuale approvazione della proposta del Ministro graverebbe su tutti e  tre i  soggetti coinvolti nel servizio Peer to Peer.

In primis sull’ISP, il quale potrebbe trovarsi assoggettato a  sanzioni che possono raggiungere un massimale di 250.000 euro nell’ipotesi più grave, ipotesi  che si configura nel caso di favoreggiamento o di compiacenza nello scambio di materiale protetto da parte dei propri utenti. Allo stesso soggetto potrebbe venir fatto  obbligo di fornirsi  di “filtri” specifici che permettano una sorta di controllo sugli utenti e che  realizzino, quindi, un vaglio dell’attività di scambio dei suddetti materiali;inoltre, verrebbe imposto, sempre a carico del ISP, un obbligo  di denuncia, all’Autorità competente, degli utilizzatori che eventualmente vengano, mediante tali filtri, individuati nell’atto di compiere uno scambio  illegale di  materiali protetti. Ben più gravoso risulta essere, infine, un ulteriore obbligo posto a carico del provider, che consisterebbe nel dover conservare per un periodo di 30 mesi i dati di log dei condivisori.

Non meno colpiti risultano essere anche gli “uploader” ovvero gli utenti che, sempre in modo illecito, copiano file di materiale protetto dal diritto d’autore: per tali soggetti sono state previste sanzioni  sino ad un massimale di 2000 euro.

Ma la assoluta novità di questa disciplina è la previsione relativa alla  sanzionabilità  della cd. Promozione dello scambio di materiale coperto dal diritto d’autore, fattispecie che viene ora prevista come reato di favoreggiamento della pirateria, e che va a colpire  soprattutto i responsabili dei siti che abbiano consapevolmente indicato le modalità di scaricamento di materiale protetto.

 

Altri articoli su Jei
Sentenza Usa favorevole ai produttori di software Peer-to Peer

02-05-2003

Il diritto d’autore nella prassi contrattuale
Laura Chimenti - Editore Giuffrè, 2003 - pg. 676
03-12-2003

Gli Internet provider ed il peer to peer

10-12-2003

Per il Copyright Board del Canada il download di file coperti da diritto d'autore è legale

30-01-2004

EDonky Ita sequestrato: attività illegale?

17-02-2004
Letto 2394 volte Ultima modifica il 06 Luglio 2013

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.