domenica, 19 Novembre 2017

Libera circolazione e protezione dei dati personali

Scritto da  il 18 Febbraio 2007

di Rocco Panetta - Prefazione di Stefano Rodota'. Conclusioni di Giovanni Buttarelli. Postfazione di Francesco Pizzetti.

 

Nella società di Internet, della videosorveglianza, dei test genetici, della moneta elettronica, la fruizione e l'esercizio dei diritti di libertà consacrati dalla Carta costituzionale del 1948 passa soprattutto attraverso un corretto trattamento di dati personali.
Governare i flussi delle informazioni personali nel rispetto delle leggi e dei diritti di tutti è la vera sfida che l'attuale società pone ad ogni livello. Non vi è attività umana, pubblica o privata, patrimoniale od esistenziale, che non sia interessata e dunque suscettibile di essere influenzata, distorta, compressa od enfatizzata dalla circolazione di dati personali.
Lo scopo di questo Trattato è pertanto quello di affrontare la materia non solo secondo la tradizionale lettura che intende la privacy come diritto alla riservatezza, all'oblio e alla protezione dell'intrusione altrui; l'obiettivo che si vuole raggiungere, attraverso una rigorosa analisi degli orientamenti legislativi, dottrinari e giurisprudenziali, in particolare del Garante per la protezione dei dati personali, è quello di dimostrare come la privacy sia diventata la pietra angolare per reggere e governare l'equilibrio tra diritti fondamentali dell'individuo, interessi pubblici collettivi, privati e patrimoniali.

Letto 1655 volte

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.