martedì, 21 Novembre 2017

Rivista giuridica del lavoro e della previdenza sociale n.2-08 - Norma inderogabile e Diritto del lavoro

Scritto da  il 06 Luglio 2008

Tema centrale del nuovo numero della Rivista è la norma inderogabile e il diritto del lavoro. La sezione ospita un'introduzione di Mario Napoli (interrogativi sull'inderogabilità) e i saggi di Antonio Albanese (la norma inderogabile nel diritto civile) e Antonella Occhino (la norma inderogabile nel diritto del lavoro). Seguono saggi di Lucio Imberti (la disciplina del socio lavoratore), Antonio Riccio (il lavoro a progetto) e Maddalena Rosano (la tutela del lavoratore nell'insolvenza transnazionale).

Nella seconda parte della Rivista si è scelto di dare ancora evidenza - data la vastissima eco procurata nei paesi UE - alle decisioni della Corte di Lussemburgo nei casi Laval, Viking e Rüffert attraverso un contributo al dibattito di Bruno Veneziani. La sezione ospita quindi la decisione della Corte costituzionale n. 44/2008 che ha dichiarato l'illegittimità costituzionale di alcune norme del d.lgs 368/2001 (nel testo precedente alla riforma del 2007), nella parte in cui subordinano il diritto di precedenza nell'assunzione presso la stessa azienda con la medesima qualifica dei lavoratori assunti a termine per lo svolgimento di attività stagionali, a due condizioni prima inesistenti: la previsione di tale diritto da parte della contrattazione collettiva nazionale applicabile e il mancato decorso di un anno dalla cessazione del precedente rapporto. Si segnalano ancora una interessante decisione della sezione lavoro della Corte di Cassazione in tema di controlli a distanza nonché alcune decisioni dei Giudici di merito in tema di contratti a termine "anomali" nelle pubbliche amministrazioni e di diritto di critica sindacale.

Nella sezione giurisprudenziale dedicata alla sicurezza sociale, il commento critico di Antonio Federici a una sentenza del Tribunale di Ivrea in tema di causa virulenta come "tertium genus" tra infortunio sul lavoro e malattia professionale, e il contributo di Gina Turatto a commento di tre sentenze di merito (Firenze, Ravenna e Pistoia) riguardanti la tematica dell'attribuzione di prestazioni non contributive ai cittadini extracomunitari (con interessanti riferimenti alla CEDU).

Letto 2454 volte Ultima modifica il 18 Dicembre 2013

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.