Stampa questa pagina

Flexicurity e tutele - Il lavoro tipico e atipico in Italia e in Germania

Scritto da  il 24 Marzo 2008

Lorenzo Zoppoli, Massimiliano Delfino
(a cura di)

Il dibattito politico e giuridico sull'Europa sociale ha conosciuto dal 2005 una pesante battuta d'arresto dovuta all'Europe's mid-life crisis successiva alla bocciatura del Trattato per la Costituzione. Esso è stato però rilanciato con forza dalla comunicazione della Commissione europea del novembre 2006 su «Modernizzare il diritto del lavoro per rispondere alle sfide del XXI secolo», meglio conosciuta come Libro Verde sulla flexicurity. Ne è seguita un'ampia discussione pubblica, testimoniata da una ricca documentazione prodotta dalle istituzioni dell'Unione, dai governi nazionali, dalle parti sociali, da molti centri di ricerca, da singoli studiosi. In questo volume – che prende spunto da un confronto italo-tedesco svoltosi a Berlino nel settembre 2007 – si analizza il rapporto fra flexicurity e tutele del lavoro tipico ed atipico, considerando come punto di osservazione privilegiato quattro aree tematiche: i licenziamenti, il lavoro temporaneo, il part time e i contratti formativi. L'analisi mette in luce il nesso tra la recente evoluzione delle discipline nazionali e le politiche europee dell'ultimo periodo. Ne viene fuori un quadro sintetico ma completo della normativa italiana e tedesca degli istituti menzionati, utile soprattutto per cominciare a riempire di contenuti più precisi quel complesso fenomeno di neo-regolazione sovranazionale
e multilivello al quale si allude con l'espressione flexicurity.

Lorenzo Zoppoli è professore ordinario di Diritto del lavoro nell'Università di Napoli Federico II.
Massimiliano Delfino è ricercatore di Diritto del lavoro nell'Università di Napoli Federico II.

Letto 4331 volte Ultima modifica il 18 Dicembre 2013

Ultimi da Redazione